L’approvazione del Senato, avvenuta il 30 dicembre 2020, ha dato il via al bonus idrico, già previsto nel testo della Legge di Bilancio 2021.

Il bonus idrico è un’agevolazione che permette di migliorare il risparmio idrico dell’abitazione, sostituendo i vecchi sanitari con nuovi dispositivi a scarico ridotto.

Non solo, è possibile cambiare anche rubinetti, soffioni doccia e colonne doccia con nuovi apparecchi a basso consumo d’acqua, in edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

A questo proposito, con questo emendamento viene riconosciuto alle persone fisiche residenti in Italia, un bonus idrico integrativo pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario, da utilizzare entro il 31 dicembre 2021.

Come viene erogato il bonus idrico 2021 e quali sono i requisiti?

Per conoscere in via definitiva le modalità e termini per l’erogazione del bonus, sarà necessario aspettare marzo 2021. Tali informazioni, infatti, saranno affidata a un decreto del ministro dell’Ambiente.

In ogni caso, come anticipato, il bonus servirà a sostenere interventi di sostituzione di:
wc in ceramica;
rubinetteria;
soffioni di doccia e colonne doccia.

– fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico non superiore a 6 litri; sono compresi anche i relativi sistemi di scarico;
– fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata non superiore a 6 litri al minuto;
– soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto;
– rientrano nel massimale di spesa anche le opere idrauliche e murarie collegate e gli oneri di smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.

Richiedi informazioni

Product added to compare.

Utilizziamo i cookies per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web. Continuando la navigazione, ne accetti l’utilizzo